Le nostre ricette: ottobre 2009

Tutti i diritti riservati agli autori delle ricette. E' vietata per legge la riproduzione delle ricette anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l'autorizzazione scritta dei rispettivi autori.

venerdì 30 ottobre 2009

Focaccia dolce alla genovese


Autore: Eugenio

Ingredienti:

  • farina 500 gr.
  • Uvetta 100 gr.
  • Burro 200 gr.
  • Zucchero 200 gr.
  • Uova 4
  • Pinoli 100 gr.
  • Lievito Bertolini una bustina e mezza
  • Sale, scorza di limone, marsala

Mettete 100 grammi di uvetta in una tazza piena di acqua calda. Imburrate un tegame da forno, passatevi un po’ di farina e scuotetelo in modo da eliminare la farina eccedente. Mettete mezzo chilo di farina sulla spianatoia, fate la fontana e ponete al centro un pizzico di sale, la scorza grattugiata di un limone, 175 grammi di burro lasciato ammorbidire fuori del frigorifero, quattro uova e due cucchiai di marsala secco. Lavorare con le mani in modo da rendere il composto omogeneo. Aggiungere 100 grammi di pinoli e 200 grammi di zucchero. Incorporate anche questi ingredienti. Sciacquate l’uvetta. Aggiungete al composto l’uvetta colata e infarinata e una bustina e mezza di lievito Bertolini.
Ponete l’impasto nel tegame e livellatelo. Coprite con dello zucchero semolato e con fiocchetti di burro.
Cuocete nel forno già caldo a 180 gradi per circa 50 minuti.

giovedì 29 ottobre 2009

Filoncini con patate e cumino



Autore: germana

Morbidissimi per via delle patate, buoni da mangiare così, anche da soli.....

Ingredienti:
  • 500 g di farina
  • 100 g di patate
  • 25 g di lievito di birra
  • 5 g di malto (sostituibile con il miele)
  • 15 g di burro morbido
  • 1 uovo
  • sale-pepe
  • 200 g circa di acqua
  • semi di cumino - di papavero o quello che vi piace di più.


Lessate le patate in acqua bollente salata, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.

Setacciate la farina e fate la fontana: aggiungete tutti gli altri ingredienti , tranne i semi di cumino e metà uovo , perché l'altra metà vi servirà per pennellare i filoncini, ed impastate molto bene, aggiungendo l'acqua poca per volta, fino ad ottenere un impasto che non si appicchi alle mani.

Con la macchina del pane, sul programma impasto é ancora più veloce.

Mettete l'impasto in una ciotola coperta con la pellicola per alimenti e lasciate riposare 20 minuti.

Riprendete la pasta, dividetela in 6 parti, formando dei filoncini; disponeteli in una teglia ricoperta di carta forno e lasciateli riposare coperti con un telo inumidito per altri 20 minuti.

Infornateli a 200° per circa 30 minuti non senza averli prima pennellati con il mezzo uovo rimasto e cosparsi con i semi di cumino.

Semplicissimi


Pesce Spada a Ghiotta (secondo usanza messinese)



Autore: Germy

Ingredienti: Per 4 persone


  • No. 4 Fette di pesce spada
  • Gr. 400 Pomodori maturi (o pelati in scatola)
  • Gr. 25 Pinoli
  • Gr. 25 Uvetta sultanina
  • Abbondante olio d'oliva
  • No. 2 Spicchi d'aglio
  • Una manciata olive verdi denocciolate e tagliate e fettine
  • Una costa sedano, una cipolla, una cucchiaiata di capperi dissalati
  • alloro, farina bianca, sale e pepe

Lavare l'uvetta e metterla ad ammorbidire in acqua tiepida per un quarto d'ora circa. Infarinare le fette di pesce e friggerle nell'olio bollente; una volte levate dalla padella metterle su un piatto con carta assorbente per levare l'olio in eccesso. Nell'olio di frittura far imbiondire la cipolla tritata e l'aglio schiacciato, unire i pinoli, il sedano tritato, l'uvetta passa ben strizzata dall'acqua, i capperi ben lavati dal sale (non usare quelli sotto aceto, darebbero troppa acidità al piatto). Lasciar rosolare alcuni minuti poi unire i pomodori pelati e privati dai semi e spezzettati. Incoperchuiare e cuocere a fuoco lento per 10 minuti. Sistemare con cautela le fette di pesce in una pirofila, versarvi sopra la salsa preparata, unire 2 foglie d'alloro, sale, pepe e mezzo bicchiere di acqua calda. Porre il recipiente in forno caldo (200°) e lasciare 15 minuti. Volendo accompagnare con fette di pane tostato.

Ricetta Tratta da "Le Ricette egionali Italiane" di Anna Gosetti della Salda

martedì 27 ottobre 2009

Biscotti Danesi


Autore: Fabio



Lo sapevate che per i giapponesi la loro fortuna economica è iniziata copiando letteralmente qualsiasi prodotto per la loro industria? Giravano il mondo in cerca di prodotti fattibili per la loro industria, per loro il copiare era diventata un’arte. Io a mia volta mi considero un “giapponese”, quando vado nei magazzini di alimentari mi dedico alla lettura degli ingredienti scritti sulle etichette dei contenitori. Una delle ultime è stata la lettura degli ingredienti dei biscotti danesi, li ho riprodotti con un ottimo risultato, ma devo dire che le percentuali le ho stabilite io.

Ingredienti:

  • farina 40%
  • burro 30%
  • noce di cocco 10%
  • zucchero 20%

Per agevolare l’impasto ho messo circa 50 g di zucchero invertito, se non lo avete potete mettere dello sciroppo di zucchero piuttosto denso o del miele fluido.

Preparazione: se avete una impastatrice avrete il lavoro agevolato, altrimenti amalgamate il tutto manualmente con pazienza. Una volta che l’impasto è pronto prendetene una certa quantità, stendetela portandola allo spessore di circa due millimetri, prendete uno stampino rotondo che userete per fare dei dischetti che man mano che li fate li metterete in una teglia ricoperta con carta da forno. Una volta riempita la teglia infornate a forno caldo a 150°C e fate attenzione a non farli colorire! Con 500 g di impasto si riempie una teglia.

domenica 25 ottobre 2009

OLIVE SCHIACCIATE



Autore: Sofia
OLIVE SCHIACCIATE di Sofia
olive fresche gr.600
sale
aceto
limoni
olio
erbe aromatiche
Lavare bene le olive, che devono essere tutte sane, e schiacciarle una per
una con una piccola pietra o in un mortaio, facendo attenzione a non
rompere il nocciolo.
Metterle in un contenitore con acqua abbondante, che cambierete ogni
giorno, per circa 20 giorni per togliere il gusto amaro. Alla fine, per
provare il gusto mangiatene una.
Preparare una salamoia con un litro d'acqua e 100 gr. di sale, agggiungere
100 gr. o anche di più di aceto.
Lavare e sterilizzare dei vasi di vetro, mettere le olive, delle fette di limone
non trattato, la salamoia con l'aceto e l'erba aromatica che preferite, origano
o rosmarino. Sopra a tutto aggiungere un dito di olio d'oliva e chiudere
i vasi. Saranno pronte per il consumo in pochi giorni.
Tenere i vasi in luogo fresco e buio.
Sono ottime servite con un filo d'olio e delle fettine d'aglio e anche come
fanno in molte isole, con qualche seme di coriandolo schiacciato.


sabato 24 ottobre 2009

Fave dolci


Autore: Fabio

Per la ricorrenza dei defunti in tutta Italia si preparano dei dolcetti chiamati “Fave dolci”, ma ogni regione ha la sua ricetta con ingredienti diversi tra una e l’altra, questa che pubblico è tradizionalmente romana, di mio non c’è nulla eccetto che aggiungo qualche mandorlina per accentuare il sapore di mandorle. Nei tempi andati nelle campagne la sera della vigilia si usava mangiare fave secche condite con olio di oliva, mi riferisco all’Italia centrale, non ricordo a quale epoca è nata questa tradizione, se scovo qualcosa pubblico.

Ingredienti:
  • mandorle dolci grezze g 100
  • zucchero g 150
  • farina g 70
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • burro g 50
  • un uovo
  • scorza grattugiata di mezzo limone
  • qualche mandorlina (facoltativo)

Con il mixer raffinate il più possibile le mandorle, per grezze intendo con la pellicola marrone, con lo zucchero, possibilmente fino a estrarne l’olio.
Versate la farina ottenuta sul marmo del tavolo e uniteci la farina, la cannella, il burro, l’uovo e la scorza grattugiata del limone.
Impastate bene il tutto e lavoratelo fino a che risulterà omogeneo. Formate con la pasta un lungo rotolo che ritaglierete in pezzi simili a grosse noci.
Allineate questi pezzi sopra una teglia imburrata e infarinata, distanziandoli per dare loro la caratteristica forma forma simile a quella delle fave.

Passate la teglia in forno caldo e cuocete le fave per una ventina di minuti, fino a che avranno acquistato un bel colore dorato.

POLLO AL CURRY



Autore: Sofia


POLLO AL CURRY di Sofia

600 gr. di petto di pollo tagliato a pezzetti
oppure polpa di pollo tagliata a pezzetti
1 cipolla tritata
1 aglio tritato
1 limone
1 vasetto di yogurt greco
1 tazzina di polpa di pomodoro
1 cucchiaio di curry o più
3/ 4 bacche di cardamomo
1 stecca di cannella
2 chiodi di garofano
2 anici stellati
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di cumino
1 pizzicco di paprica
brodo vegetale o di pollo
sale
olio
coriandolo fresco

Tagliare il pollo a pezzetti, metterlo in una ciotola, irrorarlo con il succo
di limone, coprire la ciotola e lasciarlo marinare in frigorifero per
almeno un quarto d’ora.
Tritare la cipolla e l’aglio.
In una ciotola mescolare bene con una frusta lo yogurt greco,
la polpa di pomodoro e qualche cucchio di brodo o di acqua.
Rosolare bene i pezzi di polo in un padella con dell’olio, estrarli dal
tegame e metterli da parte.
Scaldare dell’olio in una casseruola larga e bassa e mettere le bacche di
cardamomo, la stecca di cannella, i chiodi di garofano e gli anici
stellati e rosolarli bene perché possano sprigionare tutto il loro aroma,
aggiungere la cipolla e l’aglio tritati continuando a mescolare, non
devono colorire, aggiungere poi il curry, la curcuma e il cumino e
poi i pezzi di pollo e poco brodo o acqua calda.
Dopo qualche minuto aggiungere lo yogurt con il pomodoro, sale e un
pizzico di paprica e finire la cottura.
A cottura ultimata si può aggiungere del coriandolo fresco
tritato.
Io lo servo accompagnato da riso pilaf.

PANE ALLE OLIVE


Autore: germy

Ingredienti:

  • Gr. 250 Farina 00
  • Gr. 8 Lievito di birra
  • Gr. 80 Latte
  • Gr. 20 Vino bianco
  • sale q.b.
  • Gr. 25 Yogurt al naturale
  • Gr. 30 Burro
  • Gr. 80 Olive verdi

Preparare i panini incorporando la farina con il latte tiepido, lo yogurt, il lievito di birra, il burro fuso, le olive verdi tritate e il vino bianco ridotto della metà (mettere il vino in un pentolino, porre sul fuoco e ridurre consumandolo) e infine il sale.

Impastare molto bene fino ad ottenere un impasto molto elastico ed omogeneo. Lasciar riposare almeno 1 ora.

Preparare i paninetti del peso di 15/20 gr. Disporli su una placca da forno (rivestita con carta da forno) e spennellare con olio o burro fuso. Lasciar lievitare in un ambiente caldo. Mettere al forno (statico - non ventilato) 210/220° per almeno 10 minuti.

Una volta pronti spruzzarli con acqua per lasciarli morbidi (appena usciti dal forno).

Ricetta di Michele Blasi - Ristorante Sadler

Le sfogliatine con lievito madre



Autore: germana

Ingredienti:
150g di scarto di L.M.
150g di farina Manitoba
75 g di acqua tiepida
olio evo q.b.
sale fino q.b.


Procedimento

Impastare il tempo necessario per ottenere una pasta un po' più morbida di quella del pane.
Coprire,e lasciare lievitare per 4 o 5 ore nel forno spento, con la lampadina accesa.
Senza rimpastare, passare nella macchina per fare la pasta, delle piccole quantità, fintanto che si ottengono delle sfogliatine belle sottili.
Pennellarle con olio , cospargerle di sale fino, e bucherellarle con una forchetta.
Cuocerle su una teglia molto calda o in un tegame anti aderente, per qualche minuto per parte.
Sono ottime con formaggi e salumi, ovviamente caldissime.

giovedì 22 ottobre 2009

MELE COTOGNE AL FORNO


Autore: Sofia


MELE COTOGNE AL FORNO di Sofia

5 mele cotogne mature
succo di limone
450/500 gr. di zucchero
1 stecca di cannella
1 tazzina da caffè di brandy
panna montata oppure
gelato


Lavare bene le mele cotogne senza sbucciarle.
Tagliarle a metà e togliere i semi e i filamenti vicino ai semi.
Inumidire la parta tagliata con succo di limone.
Prendere una teglia da forno che contenga giuste le mele cotogne
e riempirla per metà di acqua nella quale avrete sciolto lo
zucchero. Aggiungere la stecca di cannella e il brandy.
Posizionare nella teglia le mele cotogne con la buccia verso
l’alto.
Cuocere a forno caldo per circa un’ora e mezza, coprendo
eventualmente la teglia con un foglio d’alluminio verso
metà cottura. Sono pronte quando si saranno ammorbidite
e saranno rimaste con uno sciroppino in fondo alla teglia.
Farle raffreddare prima di mangiarle.
Si servono mettendo della panna montata oppure del gelato
nell’incavo delle mele.

CARNE CON MELE COTOGNE (KIDONATO)


Autore: Sofia


MENU MESE DI NOVEMBRE


CARNE CON MELE COTOGNE di Sofia – (KIDONATO)


1 kg. di carne da stufato di vitellone, o di maiale,
o di agnello tagliata a grossi pezzi
1,200 kg. di mele cotogne a giusta maturazione
1 cipolla tagliata a fettine sottili
1 bicchierino di vino rosso dolce
2 foglie di alloro
1 pezzo di stecca di cannella
olio – burro
zucchero
sale – pepe

Chi ama i sapori agro-dolci troverà certamente buono questo piatto molto
particolare e di origini antiche.
Rosolare i pezzi di carne in olio e burro in una casseruola di terracotta,
oppure di rame, o comunque a fondo spesso.
Togliere la carne con una schiumarola e far imbiondire nella stessa
casseruola le fettine di cipolla. Rimettere la carne e sfumare con un
bicchierino di vino rosso dolce. Aggiungere dell’acqua calda, le foglie
di alloro, la stecca di cannella, sale e pepe.
Lavare e sbucciare le mele cotogne, tagliarle in 4 pezzi, togliere i semi
e i filamenti vicino ai semi e tagliare ancora ogni pezzo a metà.
Rosolare in una padella le mele e alla fine della rosolatura aggiungere
un cucchiaio di zucchero (o di miele), sale e pepe.
Quando la carne si sarà un poco ammorbidita aggiungere le mele
cotogne e finire la cottura sempre a fuoco lento, aggiungendo, se dovesse
servire, altra acqua calda. Si può terminare la cottura anche in forno,
con il recipiente coperto.


Varianti:

1 – Volendo si può aggiungere agli ingredienti qualche cucchiaio di
passata di pomodoro ristretta (io non la metto).
2 – Per un piatto più leggero si possono aggiungere le mele cotogne
alla carne senza rosolarle.

Pancotto di casa mia



Autore: germana

Cucina semplice: menù mese di Novembre


Ingredienti x 4 persone

  • 400 g di pane raffermo spezzettato grossolanamente
  • 3 spicchi d'aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 6 cucchiai di olio evo
  • 1 carota
  • 1 costola di sedano
  • 1 cipolla
  • 2 cucchiai di Gran Padano
  • croste di formaggio grana
Procedimento
Fate ammorbidire il pane in un litro di acqua tiepida per circa mezz’ora, trasferitelo in una casseruola, aggiungete 3 dl di acqua, l’aglio, la salvia e il rosmarino tritati finemente. Irrorate con un filo d’olio, salate, pepate abbondantemente e fate bollire per ½ ora a fuoco basso, mescolando spesso per non fare grumi. Nel frattempo tagliate a dadini la carota, il sedano e la cipolla, metteteli in un tegame con l’olio rimasto, salateli e fateli rosolare per 10-15 minuti a fuoco vivo. Al momento di servire aggiungete al pancotto il soffritto preparato, cospargete con il grana e qualche crosta di formaggio.



mercoledì 21 ottobre 2009

Le freselle



Autore: germana

Ingredienti:

  • 500 g farina 00 manitoba
  • 15 g lievito di birra
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • acqua tiepida q.b.
Procedimento

Disporre sulla spianatoia la farina setacciata a fontana, fare un pozzetto in un angolo e mettere il sale, sciogliere il lievito in poca acqua tiepidissima e versarlo nella fontana. Impastare aggiungendo poca per volta l'acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo che si stacchi dalle mani.
Volendo si possono mettere tutti gli nella macchina del pane, sul programma impasto.
Disporlo poi in una terrina infarinata e coperta, nel forno spento con la lucina accesa, e far lievitare almeno un'ora e mezza (deve raddoppiare) .
A questo punto con le mani umide fare dei salsicciotti di 20 cm x 10 con uno spessore di 1 cm e mezzo.
Disporre le forme sulla teglia del forno coperta di carta e far lievitare nuovamente con la lucina accesa per almeno altre 2 ore (devono raddoppiare).
Infornare a 180° per 20 minuti circa, fino a quando la crosta diventa dorata e croccante.
A questo punto, togliere i salsicciotti tagliarli a metà e rimetterli nel forno con la mollica rivolta verso l'alto, per alcuni minuti. Le freselle così risulteranno belle croccanti.




martedì 20 ottobre 2009

FETTE DI PANE FRITTE


Autore: Sofia


FETTE DI PANE FRITTE
(Ricetta della mia mamma)


Fette di pane leggermente raffermo
1 bicchiere di latte
3 uova
olio per friggere
miele
zucchero a velo


Tagliare le fette di pane alte circa un centimetro.
Immergerle velocemente nel latte e lasciarle scolare in piedi in un colino.
Sbattere le uova in una ciotola e immergere le fette scolate girandole più
volte in modo da rivestirle bene di uovo.
Scaldare l’olio in una padella capiente e friggere le fette di pane fino a
doratura.
Toglierle con un mestolo forato appoggiandole su carta cucina per eliminare
l’olio in eccesso, disporle in un piatto e cospargerle di miele e zucchero a velo.


Variante. In alternativa al miele si possono anche cospargerle di abbondante
formaggio grattugiato.

domenica 18 ottobre 2009

Zucca arrostita al forno



Autore: germana

L'ispirazione me l'ha data Sigrid del blog il Cavoletto di Bruxelles.
La ricetta l'ho un po' cambiata e questa é la mia.

Ingredienti
500 g di zucca lavata, tagliata, sbucciata e tagliata a pezzetti
2 patate tagliate a quadrotti
2 cipolle tagliate a spicchi piuttosto grossi
1 finocchio a spicchi
1 spicchio d'aglio in camicia
1 rametto di rosmarino
3-4 foglie di salvia
1 foglia di alloro
fior di sale-pepe

Salsa
1 cucchiaio di miele
4 cucchiai di olio evo
il succo di 1 limone


Sistemare tutte le verdure tagliate, in una grande teglia da forno rivestita con la carta, e cospargerle con gli aromi.

In una ciotolina, mescolare un cucchiaio di miele con 4 cucchiai di olio d’oliva e il succo di un limone.

Versare il tutto sulle verdure, mescolare e infornare a 220° per circa 50 minuti (fino a quando le verdure sono morbide e arrostite).

Finire con del fior di sale , pepe e servire…

venerdì 16 ottobre 2009

I Bibanesi



Autore: germana

Confesso la mia ignoranza, non sapevo cosa fossero fino a quando Paoletta non li ha pubblicati sul suo blog: uno tira l'altro, sono spariti in un attimo.
Questa é la sua ricetta con una mia piccola variante.

Ingredienti

  • 400 g di farina 0

  • 150 g di acqua (circa)

  • 1 cucchiaino di malto

  • 50 g olio evo

  • 30 g. di strutto

  • 12 g lievito di birra

  • 8 g sale

  • Semi di sesamo,papavero, finocchio o quello che vi piace di più

Procedimento
Impastate tutti gli ingredienti per circa 10 minuti, a mano sulla spianatoia. Lasciar riposare l'impasto 30’.
Formare dei grissini grossi circa un dito e lunghi, ripassate nei semi , poi tagliate pezzi da 5 cm. lasciandoli abbastanza irregolari.
Sistemateli in una teglia coperta da carta forno e lasciateli lievitare ancora 1 ora circa, ma non di più.
Infornateli a 180°/190° per 25 minuti, o fino a che sono dorati.
Abbassate il forno a circa 150° e lasciateli tostare ancora una decina di minuti, devono rimanere dorati, ma diventare croccanti anche dentro.

giovedì 15 ottobre 2009

Olive in salamoia alla ligure


Autore: Eugenio

Ingredienti:

  • Olive
  • Sale grosso
  • Erbe aromatiche (a piacere una o più fra alloro, origano, salvia, semi di finocchio, timo, aglio)

Mettete le olive in un contenitore di vetro, plastica, porcellana, coccio o acciaio inox; copritele di acqua fredda e lasciatevele per 30-40 giorni, cambiando acqua mattina e sera. I primi giorni, quando cambierete l’acqua questa sarà torbida ma via via resterà bella limpida. Trascorso il periodo di spurgatura, preparate una salamoia al 10%. A tal fine è sufficiente far sciogliere in acqua bollente 1 etto di sale grosso ogni litro d'acqua. Si fa dare un bollore e poi si aspetta che la salamoia si raffreddi completamente. Mettete le olive in questa salamoia e lasciatevele coperte per 30 giorni. Dopo questa prima salatura preparate un'altra salamoia con 120 gr. di sale ogni litro d'acqua e con le erbe aromatiche che preferite. Dopo 90 giorni le olive avranno perso l’amaro e saranno pronte da consumare. Per conservarle si tolgono dal recipiente e si mettono in vasetti di vetro coprendole completamente con un'altra salamoia con 60/70 gr. di sale ogni litro d'acqua. Si conservano anche due anni. Quando si tolgono dal vasetto per consumarle vanno sempre risciacquate. Se in superficie si forma una leggera pellicola è sufficiente toglierla. Se vi piacciono leggermente piccanti, quando le togliete dal vasetto per consumarle, dopo averle risciacquate lasciatele un paio d’ore in un po’ d’olio extravergine con pezzettini di aglio e di peperoncino.

martedì 13 ottobre 2009

Pere al vino rosso




Autore: germana

Ottimo accompagnamento per il lesso (noi lo usiamo in alternativa alla mostarda), per gli insaccati ed arrosti di selvaggina.

Ingredienti:
  • 1 k pere Spadone (quelle del mio orto- ve le ricordate?) o Bergamotto o Moscatello
  • 250 g di zucchero
  • succo di 1 limone
  • 1/2 l di vino rosato
  • 1 stecca di vaniglia
  • 2 chiodi di garofano
Sbucciate le pere, togliete i semini , tagliatele a metà e tuffatele nell'acqua acidulata con il succo del limone.
Preparate uno sciroppo facendo bollire dolcemente, per qualche minuto dall'inizio della bollitura, il l vino rosso, lo zucchero, la cannella, la buccia del limone, e i chiodi di garofano.
Intanto pulite e sterilizzate i vasetti, riempiteli con le mezze pere e versate lo sciroppo fino a 1 cm dall'imboccatura.
Procedete poi alla sterilizzazione nel modo consueto.






lunedì 12 ottobre 2009

Torta di mele di Fabio


Autore: Fabio

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 2 etti e 1/2 di farina
  • 2 etti di zucchero
  • 1 etto di burro
  • 1Kg di mele “delizia”
  • 1 bustina di lievito chimico dose per 1 kg.
  • buccia di limone grattugiata

Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili. Lavorare le uova intere con lo zucchero, aggiungere la farina, la dose di lievito, la buccia di limone e il burro sciolto.

Versare la metà dell’impasto sul fondo della tortiera, mettere le mele, zuccherarle e aggiungere il resto dell’impasto.

Cuocere per circa due ore a forno moderato(150 C°), i primi dieci minuti a 200 C° di temperatura.

N.B. La seconda parte dell’impasto che va messa in superfice non deve preoccuparvi se non si distende si stenderà con il calore, al limite aggiungetevi qualche goccia di latte.

La ricetta di questa torta è delle mie figlie,io posso solo dire che è squisita.
Fabio

sabato 10 ottobre 2009

Ciambellone cocco-cioccolato



Autore: germana

Questo buonissimo ciambellone é di Maria Luisa Trapanotto un'amica del forum della Cucina Italiana, che ho in parte modificato.

Ingredienti:

g 180 di cocco disidratato
g 70 di farina 0
g 300 di ricotta
g 250 di zucchero
g 20 di burro
3 uova
una bustina di vanillina,

un pizzico di sale,

una bustina di lievito per dolci
50 g di cacao amaro
cocco disidratato


Preparazione
Lavorare le uova con lo zucchero molto bene; unire la ricotta, il burro tagliato a pezzetti piccolissimi, la vanillina, il pizzico di sale, il cocco; a parte preparare la farina setacciata con il lievito,mescolare bene e aggiungerli al resto degli ingredienti.

Dividere l'impasto a metà ed in una unire il cacao.

Imburrare e infarinare uno stampo a ciambella, dividere idealmente lo stampo in 4 parti versando alternativamente i due composti. Cospargere il tutto con po’ di cocco disidratato ed infornare a 175° per 45-50 minuti.




venerdì 9 ottobre 2009

Ravioli di zucca



Autore: germana


dosi per 4 persone:

Ingredienti

Per la sfoglia
400 G Farina,
4 Uova
un giro di olio evo

Ripieno

1 k di zucca
150 g di mostarda di Cremona (io uso quella fatta da me)
100 g di amaretti
150 g di Grana Padano grattugiato
80 g di burro Soresina
sale-pepe

Procedimento

Pulire la zucca dai semi e dalla crosta, lessarla in acqua e fare asciugare la polpa in un tegame antiaderente.Unire gli amaretti e la mostarda tritati finemente, il grana, sale e pepe. Il composto deve risultare ben asciutto.Nel caso aggiungere il grana.
Il ripieno lo preparo sempre il giorno prima e lo lascio nel frigorifero tutta la notte.

Il giorno dopo preparo la sfoglia con il metodo tradizionale e formo i ravioli.

Lessare i ravioli in acqua bollente salata. Nel frattempo fare sciogliere in una casseruola, il burro che deve brunire, con la salvia.
Condire in una zuppiera i ravioli pronti e spolverare con una generosa manciata di Grana Padano.


giovedì 8 ottobre 2009

PORCINI SOTT'OLIO





Autore: Sofia
PORCINI SOTT’OLIO di Sofia


Porcini freschissimi sodi e sani
Aceto di vino bianco
Olio
Sale
Alloro
Pepe in grani

L’ottima riuscita di questa ricetta dipende solo dalla qualità
dei funghi che devono essere freschssimi, appena raccolti,
sani e sodi. Io ho usato dei porcini saporitissimi che un
amico ha raccolto nei boschi intorno al Mottarone, la
montagna delle Alpi a pochi chilometri dal Lago Maggiore.
Pulire i funghi dal terriccio con un coltellino affilato e
strofinarli con un telo umido.
Mettere in una pentola un’uguale quantità di aceto bianco
e di vino bianco, salare e aggiungere una foglia d’alloro.
Al bollore immergere i funghi tagliati a pezzi e bollirli
per due o tre minuti. Toglierli con una schiumarola forata
e appoggiarli su teli pulitissimi usati solo per uso di cucina.
Cambiare i teli bagnati con altri asciutti cercando di eliminare
il più possibile l’umiidità dei funghi.
Collocarli nei vasi lavati sterilizzati e asciutti ricoprendoli
completamente di ottimo olio e aggiungendo qualche grano
di pepe. Chiudere i vasi e controllare per qualche giono il
livello dell’olio aggiungendone dell’altro.
Io non metto altri odori che potrebbero sovrastare il gusto
dei porcini.







mercoledì 7 ottobre 2009

POLPETTONE DI FAGIOLINI





Autore: Mirella

Ingredienti:






  • 500 gr di fagiolini

  • 300 gr di patate

  • una piccola cipolla

  • uno spicchio d'aglio

  • un pugnetto di funghi secchi

  • parmigiano grattugiato

  • 2 uova

  • un mazzetto di maggiorana fresca

  • pangrattato

  • olio evo
  • un pizzico di origano

  • mollica di un panino raffermo ammollata nel latte o 2 cucchiai di ricotta

  • sale

  • mortadella a cubetti tritata (facoltativo)

Lessare le patate e i fagiolini.

In una padella soffriggere in poco olio la cipolla e l'aglio tritati e far andare i funghi precedentemente ammollati in acqua tiepida, scolati e tritati. Lasciare insaporire per circa cinque minuti e aggiungere a questo punto le patate e i fagiolini passati al passaverdure.

Lasciare sul fuoco qualche minuto per asciugare bene il tutto e salare.


Fare intiepidire.

Aggiungere le uova, le foglie di maggiorana tritate (quando non riesco a reperire la maggiorana fresca, sopperisco con dell'origano, ma a mio avviso non è la stessa cosa, perchè la maggiorana dà un profumo inconfondibile e irresistibile al polpettone), il grana, la mollica di pane ammollata nel latte e ben strizzata o la ricotta e la mortadella tritata se si è deciso di utilizzarla.

Aggiustare di sale.

Oliare una teglia e cospargere il fondo con del pangrattato.

Versare il polpettone e livellare bene. Far gocciolare un filo d'olio sulla superficie e coprire con una spolverata di pangrattato aggiungendo anche un pizzico di origano.

Con i rebbi di una forchetta tracciare delle righe verticali ed orizzontali oppure oblique formando una sorta di griglia.

Infornare a 180° C per circa 45'.




lunedì 5 ottobre 2009

PLUM CAKE ALLE NOCCIOLE



Autore: germy

Ingredienti:



  • Gr. 250 Burro

  • Gr. 250 Zucchero

  • Gr. 250 Farina + 1 pizzico di sale

  • No. 4 Uova intere

  • No. 2 Tuorli

  • No. 1 Cucchiaino lievito per dolci

  • Gr. 100 Nocciole tritate fini (versione classica gr. 100 candidi misti)

  • Gr. 100 Gocce di cioccolato (versione classica gr. 100 uvetta ammollata in poco rhum)

In questa ricetta la cosa importante è la pazienza. Far ammorbidire il burro a pomata. Con le fruste elettriche montare a lungo burro e zucchero. Unire, uno alla volta, prima le uova intere poi i tuorli e continuare a montare con le fruste elettriche (questa fase di preparazione dovrà durare 30 minuti ). Poi unire la farina con il sale e il lievito e amalgamare mescolando con una spatola (o cucchiaio di legno) senza smontare il composto (dal basso verso l'alto). Unire a questo punto le nocciole tritate e le gocce di cioccolato (io ne metterei anche meno di gr. 100).


Imburrare uno stampo da plum cake e rivestirelo con strisce di carta da forno ben imburrate e infarinate. Versare il composto e metterlo in forno ben caldo (180°) per minimo 50 minuti (prova stecchino).

TORTA DI CIOCCOLATO E PERE


Autore: Sofia



TORTA DI CIOCCOLATO E PERE di Sofia

150 gr. di farina
150 gr. fecola
6 uova
250 gr. di burro
230 gr. di zucchero
3 belle pere
150 gr. di cioccolato fondente
2 – 3 cucchiai di latte
1 bustina di lievito


Sciogliere il cioccolato con il burro e lasciar raffreddare.
Pulire le pere e tagliarle a pezzettini.
Montare gli albumi a neve con un pizzico di sale.
Sbattere bene i tuorli con lo zucchero, aggiungere il burro con
il cioccolato, aggiungere le due farine e il lievito, aggiungere
le pere e qualche cucchiaio di latte. Alla fine incorporare al
composto gli albumi montati a neve con molta delicatezza.
Versare in una teglia imburrata e infarinata, oppure foderata
con carta forno e infornare a forno caldo a 180 ° per circa
45 minuti. Fare la prova stecchino.

ZUCCA SOTT'OLIO



Autore: Germy

Ingredienti:


  • Kg 1,5 Zucca (circa - la quantità la decidete voi)

  • Lt. 1 Aceto bianco

  • Lt. 1 Vino bianco

  • Origano

  • Aglio

  • Olio - sale

Tagliare la zucca a spicchi, decorticarla e tagliare ogni spicchio a fettine sottili. Portare a bollore l'aceto e il vino bianco, aggiungere un cucchiaio di sale grosso, mescolare bene e poi aggiungere la zucca. Far cuocere 3 minuti a partire da quando riprende il bollore. Scolare e lasciar evaporare bene. Quando la zucca si sarà raffreddata porla nei vasi con l'aglio a fettine sottili e l'origano. Versare olio fino a riempire il vaso. le fettine devono essere ben coperte di olio. Pronta subito. E' molto appetitosa.

Loading...
Loading...
Loading...
Loading...

Antipasti

Minestre

Primi piatti asciutti

Piatti unici

Insalate

Pesce

Pietanze di magro

Pietanze di grasso

Torte salate e farinata

Dolci

Pane e focaccia

Cucina rapida

Cucina a microonde

Ricette di base

Conserve

Tecniche

Tutti i filmati


Loading...
Loading...
Loading...


Ci siamo anche noi

Ci riservano un trattamento di favore...

Bernardi Impastatrici

Primi degli italiani

E quest'anno?

Anche quest'anno abbiamo fatto benino; siamo cioè arrivati 133-esimi su 773 partecipanti. Grazie a tutti coloro che ci hanno votato.

E poi?

Dedica un minuto. E' importante

una ricetta per il santa lucia
Clicca sul logo e manda anche tu la tua ricetta per sostenere questa struttura

Cerca sul ricettario

Ricerca personalizzata
 

Cosa guarda il topo?