Le nostre ricette: ottobre 2008

Tutti i diritti riservati agli autori delle ricette. E' vietata per legge la riproduzione delle ricette anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l'autorizzazione scritta dei rispettivi autori.

giovedì 30 ottobre 2008

Torta di albumi



Autore: Germana
A volte mi trovo tanti albumi da smaltire e per non continuare a fare le solite meringhe, ho fatto questa torta.

  • Ingredienti:
    400g di farina
    400g di zucchero
    200g di burro
    1 bustina di lievito
    1 bicchiere di latte
    1 limone
    6 albumi
    1 pizzico di sale


    Impastare lo zucchero con il burro fuso, aggiungere il latte, la farina, un pizzico di sale, il lievito, la buccia grattuggiata ed anche il succo del limone.
    Montare gli albumi ed incorporarli agli altri ingredienti.
    Versare il composto in una tortiera dal diametro di circa 25 cm, precedentemente imburrata ed infarinata.
    Cuocere nel forno a 180 gradi per circa 45 minuti.


martedì 28 ottobre 2008

MONTEBIANCO DI CASTAGNE


Autore: germy

Ingredienti:

  • Gr. 800 Castagne
  • Gr. 350 Panna da montare
  • Gr. 150 Zucchero al velo
  • Gr. 60 Burro
  • Lt. 1/2 Latte
  • No. 1 Bustina vanillina

Incidete, dopo averle lavate, le castagne alla base con un taglio a croce. Ponetele in una pentola e copritele di acqua. Fate bollire per un minuto. Raccogliete le castagne 2 o 3 per volta, togliete la buccia e la pelllicina e via via mettetele in un altro recipiente dove ci sarà il latte bollente. Il latte dovrà coprire le castagne (se necessario aggiungerne altro). Fate cuocere le castagne a fuoco basso per 40 minuti. Anche durante la cottura se il latte si ritirasse troppo mettetene altro (sempre caldo).

Quando le castagne saranno cotte schiacciatele con uno schiacciapatate direttamente in una terrina (che avrete scaldato). Unire lo zucchero al velo setacciandolo, la vanillina e il burro morbido. Amalgamate bene e rimettete il composto nello schiacciapatate. Ora prendete il piatto per il dolce e fate scendere i vermicelli a mucchietto sul piatto, come un monte sulla cui cima farete un piccolo cratere. Montate la panna, che potrete anche addolcire con zucchero al velo vanigliato, e ponetela sulla cima del monte dandole forma appuntita.

E' un dolce ottimo. Questa ricetta che io ho eseguito una sola volta ( che lavoro!) è tratta dal libro I Dolci di Fernanda Gosetti.

lunedì 27 ottobre 2008

MINESTRINA CELESTINA




Autore: germy

Ingredienti e Procedimento

In una terrina mescolare

  • 2 uova intere con
  • Gr. 125 di farina e
  • 1/2 cucchiaino di sale. Unire poco per volta
  • 1 bicchiere e 1/2 di latte (Gr. 200)
  • Gr. 20 di burro appena sciolto e
  • 1 cucchiaiata di prezzemolo tritato.



Sbattere bene il composto con la frusta a mano in modo da rendere il composto scorrevole. Poi friggere a cucchiaiate con il burro e preparare 12 frittatine. Arrotolare e preparare delle tagliatelle.
Mettere in brodo bollente prima di servire.

La zuppa dei Santi


Autore: Germana

Ingredienti per 6 persone
  • 120 g di ceci,
  • 60 g di fagioli borlotti
  • un cucchiaio di farina
  • olio evo
  • qualche fogliolina di salvia
  • un rametto di rosmarino
  • una foglia di alloro
  • un pugno di prezzemolo
  • una patata
  • 1 gambo di sedano
  • una cipolla steccata con chiodi di garofano
  • sale e pepe nero
  • Brodo : di carne
Per il soffritto:
  • 80 g di lardo pestato
  • uno spicchio di aglio
  • salvia e rosmarino
  • olio evo
  • due cucchiai di passata di pomodoro
  • grana padano grattugiato
Mettete a bagno in due contenitori diversi i ceci e i fagioli in acqua fredda insieme ad una puntina di bicarbonato. L'indomani, sgocciolate i ceci, versateli nella pentola(ideale se di terracotta), unite l'olio e la farina, quindi saltateli appena, mescolandoli di continuo. Aggiungete circa 2 litri di brodo, poi le erbe profumate, la cipolla e la patata. Incoperchiate e fate cuocere. Dopo circa 2 ore aggiungete i fagioli(precedentemente scolati), e continuare la cottura. Scolate poi una parte dei ceci, la cipolla e la patata e passare tutto nel passaverdure. Intanto preparate il soffritto, rosolando in un tegamino il lardo pestato insieme all'aglio, al rosmarino e alla salvia, con l'aggiunta di poco olio e della salsa di pomodoro. Unite il soffritto al brodo, regolate di sale e pepe, servite la zuppa mettendo in tavola il grana grattugiato.

SEPPIE RIPIENE CON SPINACI


Autore: Sofia


SEPPIE RIPIENE CON SPINACI di Sofia
(Soupies ghemistes me spanaki)


Ingredienti:

  • 1 kg. di seppie
  • 1 gambo di sedano
  • 500 gr. spinaci tagliati sottili
  • 2 cipollotti freschi
  • 2 porri
  • 150 gr. di gruyère grattato
  • 1 mazzettino di aneto tagliato fine oppure
  • 1 cucchiaino di aneto secco
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1/2 tazza d'olio
  • sale - pepe

Tagliate a piccoli pezzi i cipollotti, i porri e il sedano e saltateli in padella con olio. Aggiungete gli spinaci, sale e pepe e appassiteli per circa 10 minuti. Aggiungete l'aneto mischiate e togliete dal fuoco. Quando si saranno intiepiditi aggiungete il pangrattato e il formaggio e mischiate bene. Mettete il ripieno nelle seppie, collocatele in una teglia e bagnatele con il vino bianco e l'olio. Coprite la teglia con un foglio d'alluminio e infornate a forno caldo a 200° per mezz'ora. Togliete l'alluminio e continuate la cottura per altri 15 minuti.

Castagnaccio


Autore: Eugenio

Ingredienti:

  • 500 gr. di farina di castagne
  • 750 gr. d'acqua
  • 75 gr. di uvetta
  • 70 gr. di pinoli
  • due cucchiaini di semi di finocchio
  • un cucchiaino di sale fino
  • olio

E’ un dolce caduto un po’ in disuso; La sua preparazione è semplicissima e non richiede zucchero, poichè la farina di castagne è sufficientemente dolce.
Preparate una pastella con la farina di castagne, l’acqua e il sale; lasciatela riposare per circa due ore; aggiungete l'uvetta, preventivamente ammorbidita in acqua tiepida e ben scolata, e i semi di finocchio. Rimestate bene, ungete d’olio una teglia, versatevi la pastella (spessore 8 millimetri), cospargete la superficie coi pinoli, irrorate con un filo d’olio e fate cuocere in forno a 220 gradi per venti minuti. Si consuma freddo ma non di frigorifero.

domenica 26 ottobre 2008

TORTA DI PINOLI ALLA LIGURE




Autore: Rita



Ingredienti:

  • 150 gr burro
  • 200 gr zucchero Zefiro
  • 150 gr farina
  • 50 gr farina di fecola o maizena
  • 120 gr pinoli
  • 4 uova
  • 1 bustina lievito
  • buccia grattuggiata di un limone
  • zucchero a velo
  • sale

Lavorare molto bene lo zucchero con il burro morbido a pezzettini e con un pizzico di sale fino ad ottenere una crema soffice. Aggiungere la buccia del limone grattuggiata e un uovo per volta, amalgamando bene.

A parte mescolare la farina con la fecola o la maizena (io ho usato maizena) entrambe setacciate, e il lievito; quindi incorporarli al resto degli ingredienti. Unire 80 gr di pinoli e mescolare bene.

Versare il composto in una tortiera da 24 cm di diametro imburrata e infarinata precedentemente. Ricoprire con il resto dei pinoli.

Infornare in forno caldo a 150 °C per circa 20 minuti e a 170 °C per altri 20 minuti.

Cospargere di zucchero a velo.


MINESTRA DI ERBETTE E COSTE




Autore: Rita



Ingredienti:


* erbette o spinaci
* coste
* cipolle
* fagioli borlotti o lamon (da mettere a bagno il giorno prima o per fare prima utilizzare quelli in barattolo già pronti)
* olio/sale/dado
* ricotta a piacere


E' una ricetta questa "rubata" all'agriturismo in Toscana dove ho trascorso le vacanze estive. Da quel poco che mi ha detto il proprietario e ottimo chef e da quello che ho capito io mangiandola, ne ho tratto questa ricetta che piace a tutti in famiglia. Perdonatemi se non indico le quantità esatte. Faccio un po' a occhio.


Far soffriggere la cipolla, aggiungere le erbette, gli spinaci e le coste tagliate sottili (a listarelle di circa un cm.), unirvi dell'acqua e far cuocere. Salare.
Aggiungere i fagioli.
Impiattare e aggiungervi un attimo prima di servire un po' di ricotta sbriciolata (per 4 persone io uso 250 gr. di ricotta in totale, quindi circa 60 gr. a testa).

Cioccolata all'antica



Autore: Eugenio

Ingredienti:



  • 150 gr. di cioccolato fondente

  • 1 tazza di acqua

  • 4 tazze di latte

  • zucchero (facoltativo)

Fate fondere il cioccolato in pezzi nell'acqua, mescolando continuamente per ammorbidirlo. Tale procedimento va eseguito a fuoco molto lento per evitare che il cioccolato si bruci dato che la cottura dev'essere prolungata. Fate bollire lentamente per 10 minuti a recipiente scoperto in modo che il cioccolato si addensi. Versatevi il latte caldo mescolando e prolungate la cottura per 5 minuti sempre mescolando. La cioccolata preparata in tal modo risulta molto spumosa e vellutata. Il giorno seguente scaldate la cioccolata versandola in un piccolo recipiente e mescolate senza interrompere, sino a raggiungere il punto di ebollizione.


Note: Dose per 4 persone, da preparare il giorno precedente il consumo.

sabato 25 ottobre 2008

Spezzatino alle spezie




Autore: Germana

Ingredienti:
Un bel pezzo di manzo preso dal collo e adatto a
brasati (tipo cappello di prete o brione, un pezzo
molto gelatinoso)
Olio evo
Sale
Pepe
½ cucchiaino di paprika
una punta di cumino in polvere (facoltativo)
un pizzico di peperoncino di cayenna
un pizzico di zenzero in polvere (facoltativo)
un paio di cucchiaiate di prezzemolo tritato
una cipolla e mezza finemente tritata
mezzo chilo di patate dolci
2 pomodori spellati e senza semi, tagliati a cubetti.

Tagliare la carne a cubotti di circa 3 cm di lato. Asciugarli per bene su uno scottex e riporli su un piatto. Nel frattempo avrete scaldato a bassa temperatura una bella casseruola (io uso una brasière) che possa contenere la carne in un solo strato). Quando la casseruola e’ calda, versare un giro d’olio, quando e’ molto caldo, far scivolare la carne nell’olio (metterla per bene sul piatto, facilita questa operazione), lasciare rosolare a fiamma alta, senza toccare la carne, appena si e’ formata una bella crosticina, voltare i bocconi di carne. Aggiungere le altre spezie, il prezzemolo tritato e la cipolla, il sale, aggiungere poca acqua, portare ad ebollizione, poi far andare al minimo per 1 ora e mezza. Controllare che il fondo non si asciughi troppo, in caso aggiungere poca acqua. Trascorso questo tempo, lavare e affettare le patate americane, tagliare dello spessore di 1 cm, e mettere uno strato sulla carne, mettere i dadini di pomodoro sulle patate, coprire e mettere in forno preriscaldato a 160 per circa 40’. A questo punto, scoprire e passare al grill per dorare.

ARROSTO AGLI AROMI


Autore: germy

Ingredienti:

Gr. 800 Arrosto di vitello (ottimo il -codino)
Gr. 60 Burro
Un gambetto di sedano
Una carotina
Una foglia di salvia, alloro
Un rametto di rosmarino
Prezzemolo
No. 2 Bicchierini marsala secco
Pizzico noce moscata.

In una teglia per arrosti sciogliere il burro, unire la carne e farla rosolare (sul gas) lentamente girandola da entrambe le parti. Quando è ben dorata bagnarla con il Marsala. Alzare un attimo la fiamma e far evaporare, poi unire gli odori e le verdure. Salare, pepare, profumare con la noce moscata, quindi bagnare con un mestolino di brodo caldo o acqua e dado; cuocere lentamente sul gas per 2 ore. Tagliare la carne a fettine. Filtrare il sugo, togliere gli odori e tritare le verdure. Rimettere la carne ed il sugo, con le verdure tritate, nella teglia, aggiungere una noce di burro, dare un bollore e servire. E' molto buono e diverso dai soliti arrosti.

giovedì 23 ottobre 2008

Occhi di bue



Autore: Germana

Ingredienti:
375 g di farina setacciata
70 g di fecola
125 g di zucchero a velo
un pizzico di sale
250 g di burro morbido a pezzetti
1 cucchiaino di vaniglia oppure scorza di limone

marmellata o crema gianduia o Nutella...

La pasta é la sablé di Pinella Orgiana

Riunite in una ciotola tutti gli ingredienti tranne la marmellata

Impastate brevemente come per la frolla, quindi completate velocemente sulla spianatoia e fate riposare una mezz'ora in frigo. Si fanno i cerchi, di cui uno forato al centro. si cuociono separatamente poi, si incollano con della marmellata oppure crema gianduia. D'obbligo la spolverata di zucchero al velo.




mercoledì 22 ottobre 2008

TORTA AL CIOCCOLATO


Autore: germy

Ingredienti:

  • Gr. 200 Cacao dolce
  • Gr. 200 Zucchero
  • Gr. 170 Burro
  • No 4 Cucchiai di Cognac
  • No. 4 Cucchiai di farina bianca
  • No. 1 Cucchiaino di lievito

Sbattete molto bene il burro con lo zucchero finchè ben montati. Aggiungete i tuorli e il resto degli ingredienti mescolando bene. Unite poi gli albumi montati a neve ferma, mescolando piano, dal basso verso l'alto, con una spatola (non usate il cucchiaio di legno).

Imburrate e infarinate una teglia (diametro cm 24 o 26) e versate il composto.

Mettete in forno 200°. Per verificare se è cotta fate la prova stecchino:

Non è la solita torta di cioccolato è veramente buona, e soffice. Vi consiglio di non eliminare il liquore perchè serve a dare alla torta un gusto particolare.

martedì 21 ottobre 2008

Pane al rosmarino



Autore: Germana

Pane al rosmarino delle Simili

Ingredienti

450 g farina 00

20 g lievito di birra

250 g di acqua (circa)

2 cucchiai rasi di rosmarino fresco tritato

2 cucchiai di olio d’oliva

2 cucchiaini di sale

Sale grosso marino

Sciogliere il lievito con quasi tutta l’acqua, poi unite l’olio e il rosmarino. Aggiungete 1/3 della farina, poi il sale e sempre battendo il resto della farina e dell’acqua. L’impasto è abbastanza morbido. Rovesciate sul tavolo e lavorate battendo per 8-10 minuti fino ad avere un impasto elastico. (io ho usato la macchina del pane).Mettete in una ciotola unta d’olio e far lievitare per 90 minuti. Rovesciate sul tavolo, lavorate brevemente, date la forma e coprite a campana per 40-50 minuti. Infornate a 200° per 15 minuti, abbassare a 170-180°, togliete il pane dalla teglia e appoggiatelo sulla rete e lasciatelo asciugare in forno per altri 15-20 minuti.




GULYAS


Autore: germy

No. 1 Cipolla media
Gr. 300 Carne di manzo (tipo spezzatino)
Gr. 300 Patate
1/2 Pomodoro fresco
1/2 Peperone fresco
No. 1 Cucchiaino di paprika dolce in polvere
No. 2 Carote

Soffriggere la cipolla tagliata fine in un po' d'olio e aggiungere la carne tagliata a dadi non troppo grandi. Lasciare tutto per 2-3 minuti sotto coperchio, poi aggiungere il sale, la paprika, il pomodoro e il peperone. Mescolare bene e versare l'acqua necessaria per coprire appena la carne. Portare il brodo all'ebollizione e poi aggiungere le carote tagliate a fettine. Lasciar cuocere la carne infine aggiungere le patate tagliate a dadini e versare ancora acqua per coprire il tutto.
Cuocere per 15-20 minuti. Questa ricetta mi fu data da una signora ungherese. E' quindi doc.

GIARDINIERA IN AGRODOLCE


Autore: germy

Gr. 700 Cavolfiore
Gr. 700 Cipolline novelle
Gr. 700 Cornetti novelli
Gr. 700 Carote novelle
Gr. 500 Sedano bianco
No. 4 Peperoni gialli
No. 3 Chiodi garofano
No. 3 Spicchi aglio
Gr. 100 Sale
Gr. 100 Zucchero
Lt. 1 Aceto bianco
Lt. 1/2 Olio d'oliva


Pulire bene le verdure, tagliarle a pezzettini o striscioline e mettere tutto (tranne i peperoni) in un pentolone con olio, aceto, zucchero e sale. Cuocere e bollire 1/4 d'ora. Spegnere, unire i peperoni, i chiodi di garofano e gli spicchi di aglio.Mettere nei vasi ermetici- ben sterilizzati - quando è freddo. Io la preparo tutti gli anni. E' molto buona ed è una ricetta di famiglia.

Torta Paradiso



Autore: Germana

Ingredienti:

  • 300 g di fecola di patate
  • 300 g di burro
  • 300 g di zucchero
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito








Montare con una frusta il burro con lo zucchero. Aggiungere uno alla volta i tuorli, quando sono tutti bene incorporati unire la farina setacciata con il lievito. Per ultimo gli albumi montati a neve.Infornare a 175° per circa 40 minuti sul piano basso del forno.

Lasciare ancora 5 minuti nel forno spento.

lunedì 20 ottobre 2008

VELLUTATA DI ZUCCA


Autore: germy

Ingredienti:

  • Un bel pezzo di zucca
  • No 1 Cipolla
  • No. 4 Patate
  • Gr. 20 burro
  • No 1 Foglia alloro
  • No. 1 Cubetto dado o più a seconda del gusto
  • Timo secco (o fresco - meglio)
  • No. 1 Spicchio d'aglio
  • Sale e pepe

Tagliare la zucca a cubetti, idem con le patate e affettare la cipolla. Fondere il burro (si può usare anche l'olio) e brasare le verdure per pochi minuti. Salare, pepare (se piace) quindi aggiungere l'acqua necessaria per preparare un passato di verdura, il dado, la foglia di alloro, lo spicchio d'aglio e portare a cottura. Frullare, aggiustare di sale e aggiungere il timo (a piacere).

Questa ricetta mi fu data da un'amica australiana. E' ottima. Provatela! In questo periodo la zucca si trova.

HALVA CON SEMOLINO
(Halva me simigdali)


Autore: Sofia


HALVA CON SEMOLINO di Sofia
(Halva me simigdali)

Ingredienti

1 tazza d’olio
2 tazze di semolino grosso
3 tazze di zucchero
4 tazze d’acqua
1 tazza di mandorle pelate tagliate a metà
oppure a pezzetti e abbrustolite.

Preparare prima lo sciroppo per averlo pronto.
Mettere in una casseruola l'acqua e lo zucchero e farli
bollire fino a quando diventato uno sciroppo medio.
Volendo si può aromatizzare con scorza di limone,
oppure con 2/3 chiodi di garofano.
Mettete l’olio in una casseruola antiaderente a scaldare.
Aggiungete il semolino e fatelo abbrustolire girando
con un cucchiaio di legno. Fate attenzione, verso la
fine tende ad attaccarsi. A questo punto aggiungete
lo sciroppo con molta attenzione, proteggendovi
con un coperchio e con guanti da forno, schizza come
un vulcano!!! Aggiungete anche le mandorle e
e la cannella e continuate a girare abbassando il
fuoco fino a che non si addensa
Il halva è pronto quando si staccherà dalle
pareti della casseruola.
Mettetelo in uno stampo e quando si sarà raffreddato
capovolgetelo in un piatto e ricopritelo con cannella.


P.S. Se avete dell'ottimo burro fresco, aggiungetene
un pezzetto appena spegnete il fuoco e mescolate.
Il gusto del vostro halva sarà migliore.

domenica 19 ottobre 2008

SOUTZOUKAKIA DI SMIRNE


Autore: Sofia


SOUTZOUKAKIA DI SMIRNE di Sofia


Ingredienti

500 gr. di carne trita di vitellone
2 fette di pane ammollate nel vino rosso e strizzate
1 uovo
3 cucchiai di cumino tritato (cuminum cyminum) indispensabile
2/8 spicchi d'aglio ridotti in poltiglia
pomodori freschi puliti e passati oppure
1 scatola di passata di pomodoro
1 cucchiano di bahari (se non lo trovate, omettetelo)
noce moscata
sale - pepe
olio ev


Mischiare in una ciotola la carne trita, il pane strizzato, l'uovo, 2 cucchiai di cumino
tritato, da 2 a 6 spicchi d'aglio ridotti a crema, una grattatina di noce moscata, sale e
pepe. Formare delle polpettine ovali lunghe circa 5/6 centimetri. Infarinarle e
friggerle in olio caldo. Appoggiarle su dei fogli di carta da cucina per elimire l'unto in
eccesso.
Preparare la salsa di pomodoro rosolando in una padella con l'olio 2 spicchi d'aglio
interi e aggiungendo i pomodori passati, un pizzico di zucchero, 1 cucchiaio di cumino,
sale e pepe. Dopo una decina di minuti aggiungere i soutzoukakia fritti e continuare la
cottura per ancora 20/30 minuti. Attenzione a non far restringere troppo la salsa, i
soutzoukakia assorbono liquido, eventualmente aggiungere poca acqua tiepida.
Si servono accaompagnati da riso pilaf , oppure con patatine fritte o anche con
un purè di melanzane caldo.

Questi soutzoukakia sono un piatto tipico tradizionale degli abitanti greci
della città di Smirne, città turca sulle coste dell'Asia Minore. E' tuttora
un piatto molto amato dai greci. La quantità d'aglio dipende dai gusti
personali.

PATE' DI FEGATO


Autore: germy

Ingredienti:

  • Gr. 400 Fegato di vitello
  • Gr. 300 Fesa di vitello
  • Gr. 200 Prosciutto cotto (fetta unica)
  • Gr. 150 Burro (100+50)
  • salvia, rosmarino alloro
  • sale q.b.
  • cognac o marsala secco

Rosolare il fegato, carne e il prosciutto, il tutto tagliato a cubi, in gr. 50 di burro, con gli aromi. Sfumare con il cognac o il marsala (meno di mezzo bicchiere - fate ad occhio) alzando la fiamma. Qando le carni sono cotte spegnere e far raffreddare. Frullare bene in un mixer con i rimanenti gr. 100 di burro. Mettere in uno stampo - tipo plum cake - o in stampini e tenere in frigo.

E' una ricetta collaudata e io trovo che sia proprio buono.

Scrivere qui il procedimento.

Semifreddo al croccantino


Autore: Eugenio

Ingredienti:
(dose per 8-10 persone)

  • 450 gr. di croccante di mandorle
  • 1 litro di panna freschissima e molto fredda
  • 5 rossi d'uovo
  • 5 cucchiai di zucchero

Frantumate il croccante a pezzetti minuti ma senza ridurlo in polvere. Sbattete i tuorli con lo zucchero in modo da renderli belli spumosi. Montate la panna e unitevi le uova sbattute e il croccante, amalgamando il tutto molto delicatamente. Versate in uno stampo tipo plumcake e lasciate gelare per non meno di 10 ore.

ZUPPA DI LENTICCHIE (Soupa fakì)



Autore: Sofia

ZUPPA DI LENTICCHIE (Soupa fakì) di Sofia

Ingredienti:


  • 500 gr. di lenticchie
  • 2 cipolle
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 carote
  • 1 foglia d'alloro
  • 400 gr. di pomodori freschi passati oppure
  • 1 o 2 cucchiai di concentrato dii pomodoro
  • olio ev
  • sale - pepe
  • 4 0 5 cucchiai di aceto

Lavate le lenticchie e lasciatele in acqua per qualche ora.. Sbucciate e tritate finemente le cipolle. Pulite e tagliate la carota a fettine sottili. Sciacquate le lenticchie e mettetele in una pentola (preferibilmente di terracotta) con acqua abbondante. Quando arrivano a bollore schiumate e poi aggiungete il trito di cipolla, l’aglio, le rondelle di carota e la foglia di alloro. Dopo 15 minuti aggiungete i pomodori passati (oppure il concentrato), ½ bicchiere d’olio extra vergine, sale e pepe e fate cuocere a fuoco basso. Une decina di minuti prima della fine cottura aggiungete 4/5 cucchiai di aceto.

venerdì 17 ottobre 2008

Ossobuco alla milanese



Autore: germy

  • No. 4 Ossibuchi
  • Gr. 50 Burro
  • No. 1 Cipolla affettata sottile
  • Vino bianco secco (circa mezzo bicchiere)
  • Poca farina per infarinare gli ossibuchi
  • Prezzemolo, aglio, buccia di 1 limone
  • Sale e pepe

Soffriggere la cipolla nel burro utilizzando una larga padella. Adagiate gli ossibuchi infarinati nella padella quando il burro è ben spumeggiante. Rosolateli da entrambe le parti per bene.

Quando son ben rosolati salate e pepate e irrorateli con il vino bianco, incoperchiate e lasciate cuocere adagio.

Mentre cuociono preparate la gremolada tritando assieme: prezzemolo, aglio e scorza del limone. Quando gli ossibuchi sono quasi cotti (pochi minuti prima di toglierli dal fuoco) cospargerli con la gremolada. Servire ben caldi con il loro sughetto adagiati su un lettino di risotto.

Se durante la cottura fosse necessario altro liquido aggiungere poca acqua calda dove avrete sciolto del dado. Alcuni mettono nel fondo di burro, prima di adagiarvi gli ossibuchi, dei cubetti di pancetta dolce. Non dimenticate di praticare dei taglietti sul bordo degli ossibuchi prima di infarinarli altrimenti si arricciano. Sono di facile esecuzione ma ottimi.

CASSOEULA


Autore: germy

CASSOEULA
(Tipica pietanza Milanese. Si cucina per il giorno dei morti)

Gr. 600 Costine o puntine di maiale
Gr. 150 Cotenna di maiale
No. 5 Salamini da verzata (Piccole salsicce o salamini da cuocere)
Kg. 1 Verza
Gr. 100 Carote
Gr. 50 Cipolla
Gr. 100 Sedano
Gr. 100 Vino bianco
Gr. 100 Polpa di pomodoro
Gr. 30 Olio evo
1 foglia alloro / sale /pepe

Bollite la cotenna per 10 minuti e tagliatela a pezzetti.
Prendete delle costine o puntine e tagliatele a pezzi non troppo grandi, quindi sistematele in una padella antiaderente calda e senza condimento insieme ai salamini da verzata. Quando sarà tutto ben rosolato togliete il grasso superfluo bagnate con un po' di vino bianco e lasciatelo evaporare.
In una casseruola grande fate rosolare con un filo d' olio le verdure preparate, poi aggiungere la polpa di pomodoro, la cotenna, la foglia di alloro e un pizzico di sale e pepe cuocendo per qualche minuto.
Nel frattempo tagliate a la verza a listerelle e lavatela e quindi mettetela nella casseruola con le verdure. Mescolate e versatevi sopra le carni rosolate.
Coprite e lasciate cuocere per più di un'ora, mescolando di tanto in tanto con delicatezza. E’ pronta quando dalle costine si sfila l’osso senza difficoltà.
A cottura ultimata controllate il sapore, se necessario aggiustate di sale quindi travasate in un piatto profondo e servite. Si mangia con la polenta. E’ quasi un obbligo

giovedì 16 ottobre 2008

TORTA DI NOCI


Autore: germy

Ingredienti:


  • Gr. 400 Gherigli di noci passati al mixer
  • Gr. 300 Farina bianca
  • Gr. 300 Zucchero
  • Gr. 200 Burro
  • No. 2 Uova
  • No. 1 Bustina lievito
  • No. 1 Bicchierino Rhum
  • Buccia limone grattugiata
  • pizzico sale

Procedimento:

Lavorare il burro in una terrina con un cucchiaio di legno sino ad averlo ben montato a crema. Aggiungere lo zucchero, le uova intere una alla volta, la farina, il rhum, le noci tritate, il lievito, il sale e la scorza del limone e mescolare unendo gli ingredienti successivamente solo quando il precedente è amalgamato. Imburrare e infarinare una teglia di cm 26 di diametro. Versare il composto e cuocere in forno a 180° per 35 minuti circa (sempre fare la prova stecchino)

FILETTI DI PEPERONI SOTT'OLIO


Autore: germy

Ingredienti:


  • 4 Peperoni gialli
  • 1 Peperone rosso
  • 1 canna di sedano
  • Gr. 500 Aceto bianco (circa)
  • Gr. 500 Vino bianco (circa) (o acqua - io uso il vino bianco*)
  • sale q.b.
  • capperi, basilico, aglio
  • Olio q.b.

Pulire e tagliare i peperoni a filetti. Mettere al fuoco l'aceto, il vino bianco con il sale. Quando bolle gettare i peperoni. Levarli con una schiumarola appena rialzano il bollore. Mettere nell'aceto la canna di sedano e far bollire per 4 o 5 minuti. Allargare i filetti di peperoni su una tela e far asciugare perfettamente. Il giorno dopo sistemarli nel vaso con il sedano a pezzetti, il basilico, i capperi e l'aglio nella quantità desiderata. Coprire con l'olio.

* io uso il vino bianco al posto dell'acqua perchè impedisce la formazione del botulino che non si forma in ambiente acido.

mercoledì 15 ottobre 2008

Dolce freddo al cioccolato


Autore: germy

Ingredienti:

  • Gr. 200 Cioccolato amaro in tavoletta
  • Gr. 400 Panna da montare
  • Gr. 100 Zucchero
  • No. 5 tuorli + 1 uovo intero
  • No. 1 cucchiaio cacao amaro

Sciogliere la cioccolata spezzettata a bagno maria (il recipiente contenente la cioccolata non deve toccare l'acqua sottostante). Montare i tuorli e l'uovo intero con lo zucchero indi unire il cacao, la cioccolata sciolta e raffreddata e infine la panna ben montata. Versare in uno stampo da budino o in una coppa di cristallo (anche in coppette monoporzione) e porre in frigo.

Se messo in uno stampo e poi posto in freezer diventa gelato.

Servire liscio oppure con liquore.

Liquore al basilico


Autore: germy

Ingredienti:

  • 200 Gr. di zucchero
  • 250 Gr. di acqua
  • 250 Gr. di alcool per liquori
  • 40 foglie di basilico
  • Mettere le foglie di basilico in infusione nell'alcool e lasciarle per 2 giorni (possibilmente al buio). Trascorsi i 2 giorni fare lo sciroppo facendo bollire acqua e zucchero per 5 minuti. Lasciarlo raffreddare poi unire lo sciroppo all'alcool e basilico. Lasciare 24 ore quindi filtrare e imbottigliare. Ha un sapore gradevole ed è un eccellente digestivo.

    domenica 12 ottobre 2008

    FRITTATA DI CARCIOFI


    Autore: Eugenio
    Preparata e fotografata da: Mirella

    Ingredienti:

    • Una cipolla
    • Olio
    • 6 carciofi
    • 6 uova
    • Una mollica di pane bagnata nel latte
    • Noce moscata
    • Un piccolo spicchio d’aglio
    • Una bella manciata di parmigiano grattugiato
    • Due o tre rametti maggiorana (solo le foglie)

    Tagliate la cipolla a fettine sottili, fatela imbiondire in padella con un po’ d’olio; unite i carciofi affettati sottili; salateli e cuoceteli. Mettete in una ciotola le uova, salatele, battele un pochino, unite la mollica di pane bagnata nel latte e strizzata, un pizzico di noce moscata grattuggiata, la maggiorana tritata finissima con l’aglio, il parmigiano e amalgamate bene il tutto. Unite ora nella ciotola i cargiofi ancora caldi, rimescolate e versate il composto nella padella unta e calda. Ponete sul fuoco basso tenendo la padella in modo che il fuoco non sia al centro ma sotto un punto del bordo. Lasciate ferma la padella per circa 40 secondi e dopo spostatela un pochino in maniera da cuocere via via tutto il contorno. Quando nella parte superiore l’uovo sarà quasi completamente rappreso, coprite la padella con un grande piatto o con un coperchio; capovolgete il tutto; ungete ancora un pochino la padella; lasciate scaldare l’olio e fate scivolare in padella la frittata in modo da poter cuocere anche l’altro lato. Anche stavolta la cuocerete a fuoco basso tutt’intorno. Cotta che sia ponetela in un piatto a intiepidire. Infatti è ottima tiepida o anche fredda ma non di frigorifero. Oltre che con i carciofi si può preparare con zucchini, spinaci, lattuga, patate, cipolle o anche mischiando fra loro le verdure. Ad esempio a me piace molto con cipolle, zucchini e lattuga insieme.Si accompagna egregiamente con una bella insalata.

    giovedì 9 ottobre 2008

    CARCIOFI IN PASTELLA di Sofia


    Autore: Sofia


    Ingredienti:


    • 5 carciofi
    • 1 tazza di farina autolievitante
    • 1 e 1/2 tazza di acqua
    • 2 cucchiai di succo di limone
    • olio per friggere
    • sale e pepe

    Pulire bene i carciofi a passarli col succo di limone perchè non anneriscano. Scottarli in acqua per ammorbidirli scolarli e asciugarli. Praparare la pastella mischiando in una ciotola la farina con l'acqua, sale e pepe. Immergere i carciofi nella pastella e friggerli in olio caldo. Si gustano caldi.

    CARCIOFI IMPANATI di Sofia


    Autore: Sofia

    Ingredienti:

    • 5 carciofi
    • il succo di 1 limone
    • pangrattato
    • 1 uovo
    • farina
    • olio
    • sale - pepe

    Pulire i carciofi e strofinarlii col succo di limone perchè non anneriscano. Bollirli per 5 minuti, scolarli bene, salarli e peparli. Tagliare i carciofi a metà e infarinarli. Passarli nell'uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Friggerli nell'olio caldo. Si amngiano caldi, ma sono buoni anche freddi.

    martedì 7 ottobre 2008

    LASAGNE AI CARCIOFI di Sofia


    Autore: Sofia


    LASAGNE AI CARCIOFI di Sofia

    Lasagne preferibilmente fatte in casa.
    Carciofi
    Cipollotti freschi
    Vino bianco
    Sale – pepe
    Prezzemolo – timo
    Formaggio toma
    Latte
    Parmigiano grattato

    Le mie lasagne ai carciofi sono semplici, mi piace che si
    senta al massimo il gusto dei carciofi.
    Impasto una sfoglia normale (1 uovo per ogni 100 gr.
    di farina 00).
    Pulisco molto bene i carciofi, eliminando tutte le foglie
    dure o semidure senza economia, praticamente calcolo
    2 carciofi a porzione, e li taglio a fettine. Li rosolo in padella
    con fettine sottili di cipolloti freschi, li sfumo con del vino
    bianco e finisco di cuocerli con un goccino di acqua calda,
    sale, pepe bianco, prezzemolo e foglioline di timo.
    Preparo la besciamella (burro, farina, latte e sale) e nel
    frattempo, in un altro pentolino, preparo una fonduta
    semplice di toma con del latte, che poi aggiungo alla
    besciamella.
    Tiro le lasagne con la macchinetta e le scotto per
    un attimo in acqua bollente.
    Assemblo la teglia, facendo strati di lasagne, besciamella
    e carciofi. Per le dosi mi regolo a seconda del numero
    degli invitati.
    Prima di infornare una bella manciata di parmigiano grattato.
    Forno medio già caldo fino a doratura.

    PASTA AL SUGO DI CARCIOFI di Sofia


    Autore: Sofia

    PASTA AL SUGO DI CARCIOFI di Sofia

    pasta corta
    4 carciofi
    1 cipolla
    1 spicchio d’aglio
    Olio – burro
    panna
    origano

    Pulire i carciofi e tagliarli a fettine sottili togliendo il fieno, metterli in una ciotola con acqua fredda e succo di limone per mantenerli bianchi. Tritare la cipolla finissima e farla appassire in padella con lo spicchio d’aglio intero (che poi toglierete). Aggiungere le fettine dei carciofi scolate, poca acqua, sale e una macinata di pepe bianco.
    Quando i carciofi si saranno ammorbiditi, aggiungere la panna e l’origano e finire la cottura.
    Scolare la pasta e saltarla velocemente nella padella dei carciofi, aiutandosi con qualche cucchiaio
    dell’acqua di cottura della pasta.
    A volte, insiema alla panna, aggiungo anche un cucchiaino di concentrato di pomodoro che rende il sugo leggermente rosato.

    AGNELLO CON CARCIOFI IN FRICASSEA di Sofia


    Autore: Sofia


    AGNELLO CON CARCIOFI IN FRICASSEA di Sofia

    1 kg. o più di agnello tagliato a pezzi
    6/8 carciofi ben mondati e tagliati a metà
    1 mazzetto di cipollotti freschi tagliati fini oppure in mancanza 1 grossa cipolla tritata
    burro e olio e.v.
    sale - pepe
    2 limoni
    2 uova
    vino bianco
    aneto tritato e/o prezzemolo

    Rosolare i pezzi d'agnello (lavati e asciugati) insieme ai cipollotti in burro e olio. Sfumare con un bicchiere di vino bianco, aggiungere poca acqua calda, sale e pepe e cominciare la cottura con la casseruola coperta (preferibile quella di coccio o di rame). Pulire bene i carciofi, strofinarli con il limone e metterli in una ciotola con acque fredda e limone spremuto. Quando l'agnello è a buon punto di cottura, aggiungere nella casseruola i carciofi, eventualmente ancora un po' d'acqua calda, l'aneto tritato, aggiustare di sale e continuare a pentola sempre coperta, cercando di aprire la casseruola il meno possibile, per evitare che i carciodi anneriscano. Quando la carne è cotta spegnere il fuoco avendo l'avvertenza di lasciare un po' liquido il fondo di cottura. Sbattere in una ciotola 2 uova con il succo di un limone ed aggiungere con un mestolo nella ciotola tutta il fondo di cottura dell'agnello, non tutto insieme, ma poco per volta e sempre mescolando con una frusta. Rimettere il contenuto della ciotola nella casseruola, muovendola bene per farlo andare uniformemente tra i pezzi d'agnello. Richiudere con il coperchio e rimettere sul fuoco basso per uno minuto. Attenzione, non deve bollire!!! Aspettare qualche minuto a fuoco spento e pentola coperta in modo che il sugo prenda consistenza e poi servire. Non si può più riscaldare, la salsina può impazzire, al limite, se dovesse avanzare, si può provare a riscaldarlo nel microonde. Con lo stesso procedimento si può cucinare l'agnello anche con la lattuga romana, ed è sempre buonissimo. Sembra complicato, ma è facilissimo.

    CARCIOFI ALLA POLITA di Sofia


    Autore: Sofia



    CARCIOFI ALLA POLITA

    8 carciofi – preferibilmente mammole
    2 cipolle tritate fini
    il succo di 2 limoni
    2 carote tagliate a rondelle sottili
    3 patate tagliate a tocchi
    1 mazzetto di cipollotti freschi (facoltativo)
    1 mazzetto di aneto fresco ( se non reperibile
    sostituirlo con il prezzemolo)
    olio e.v. sale e pepe


    Scegliere delle belle mammole, grosse, rotonde,
    fresche e piene. Pulirle bene, eliminando tutte le
    foglie esterne e anche il fieno, ottenendo dei grossi
    fondi di carciofo, che man mano che saranno pronti
    metterete in una ciotola con acqua fresca e succo
    di limone
    In un tegame che possa contenere comodamente
    tutti i carciofi fate appassire le cipolle tritate e le
    carote in olio e.v., aggiungete poi i carciofi, l’aneto
    tritato, il sale e pepe e i cipollotti interi, dell’acqua
    calda e del succo di limone. Quando i carciofi
    cominceranno ad ammorbidirsi aggiungete anche le
    patate. Regolate la cottura in modo che l’acqua sia
    assorbita e i carciofi rimangano con il loro olio.
    Sono più buoni a temperatura ambiente che caldi.
    Se si ha la fortuna di trovare i carciofi giusti è
    un piatto di una bontà incredibile.

    lunedì 6 ottobre 2008

    Carciofi ripieni alla genovese


    Autore: Eugenio

    Ingredienti:

    • 8 carciofi
    • alcune foglie di funghi secchi
    • una cipolla
    • 8 uova
    • sale, pepe
    • uno spicchio d'aglio
    • alcuni rametti di maggiorana (solo le foglie)
    • mezza noce moscata
    • una manciata abbondante di parmigiano
      grattugiato
    • pangrattato
    • la mollica di un panino
    • poco latte
    • olio

    Tritate finemente i funghi secchi, preventivamente ammollati in acqua tiepida. Fate imbiondire in poco olio una cipolla tritata finemente, aggiungetevi i funghi tritati con un cucchiaio dell'acqua in cui erano stati messi ad ammollarsi e fate cuocere per uno o due minuti. Lasciate raffreddare e versate in una ciotola; aggiungete le uova, un cucchiaino di sale fino e battetele un pochino, aggiungete l'aglio e la maggiorana tritati finissimi, pochissimo pepe, una grattatina di noce moscata, il parmigiano, la mollica di pane messa a bagno nel latte e un po' strizzata; amalgamate bene tutti gli ingredienti.
    Ungete una teglia di 28 cm. di diametro, cospargetela di pangrattato e scuotetela per togliere il pane in eccesso. Mettete nella teglia 8 carciofi puliti e affettati non sottilissimi (circa 3-4 mm. di spessore) e salati con un cucchiaino di sale fino. Versate il contenuto della ciotola sui carciofi, livellatelo, e cospargete di pangrattato. Preriscaldate il forno a 175 gradi e al momento di infornare irrorate con un filo d'olio. Lasciate cuocere per circa 55 minuti. Appena cotti toglieteli dal forno e lasciateli intiepidire. Si servono tiepidi o freddi (ma non di frigo) accompagnati con una bella insalata. In stagione si possono sostituire i carciofi con funghi porcini freschi oppure con cardi preventivamente sbollentati.

    giovedì 2 ottobre 2008

    BACI DI DAMA


    Autore: Mirella

    ...veramente la ricetta non è mia ...non sono in grado di inventare nulla!! ..ma arriva direttamente dal blog di Christian http://www.chefblog.it/ .

    Ecco la sua ricetta:

    Ingredienti:

    • 100 gr di mandorle spellate
    • 100 gr di farina 00
    • 100 gr di zucchero
    • 100 gr di burro
    • 1 tuorlo d'uovo
    • un goccio di rhum (facoltativo)
    • cioccolato fondente
    Passare al mixer le mandorle con una parte di zucchero, aggiungere poi la farina e il burro ammorbidito. Impastare e aggiungere il tuorlo d'uovo e il goccio di rhum. Formare una palla e fare riposare in frigo.

    Formare delle palline e adagiarle su una teglia con carta da forno e cuocere in forno a 180° per 10/15 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare.

    Sciogliere a bagnomaria il cioccolato, appena inizia ad intiepidirsi disporlo tra due palline in modo che si attacchino l'una all'altra.

    NOTE

    • allora, io non avevo in casa le mandorle, bensì la farina di mandorle..ne ho usato 100 gr
    • ho ridotto a 80 gr sia il burro sia lo zucchero ...benissimo!!
    • non ho usato il liquore
    • nel mio forno hanno cotto 20 minuti
    • ho sciolto una barretta da 100 gr..no troppo, ne basta anche meno della metà
    • con queste dosi mi sono venute 40 palline, quindi 20 baci di dama
    • ottima soluzione per la merenda a scuola dei ragazzi!
    • buonisssssssssimi!!!!

    Sono molto contenta, perchè è stato il mio primo esperimento ed è riuscitissimo..i baci di dama mi sembravano una di quelle preparazioni impossibili! Per cui abbiate pazienza per il mio entusiasmo ...credo sicuramente che sarà una ricetta banale per voi, ma io conosco i miei limiti per cui lasciatemi gioire ...

    Un abbraccio a tutti!!

    mercoledì 1 ottobre 2008

    SANDWICH DI ACCIUGHE FARCITE ALLA RICOTTA


    Autore: Mirella

    Ingredienti: per 4 persone

    • una trentina di acciughe
    • aglio e prezzemolo
    • un cucchiaio di pinoli
    • mezzo bicchiere di vino bianco secco
    • un panino raffermo
    • 3 uova
    • 100 gr di ricotta
    • parmigiano grattugiato
    • maggiorana
    • due cucchiai di latte
    • pangrattato
    • sale pepe
    • olio evo

    Pulire le acciughe. In un tegame fare soffriggere l'olio con un trito di aglio e prezzemolo, unire due acciughe e sminuzzare bene. Aggiungere un cucchiaio di pinoli e spruzzare con il vino bianco, lasciare evaporare e cuocere per un paio di minuti. Trasferire questo composto in una terrina e aggiungere un panino raffermo già ammollato nel latte e strizzato, la ricotta, un uovo, un pò di parmigiano, maggiorana, sale e pepe e mescolare bene il tutto. Sistemare le acciughe ben aperte: su metà di loro distribuire un cucchiaino di composto, coprire con le acciughe non farcite e premere leggermente con le mani per farle aderire bene.

    In un piatto sbattere due uova con due cucchiai di latte. In un altro piatto mescolare del pangrattato con poca farina. Passare le acciughe farcite nel mix di pangrattato, poi nelle uova e poi ancora nel pangrattato.

    Friggere, scolare ovviamente su carta assorbente e servire caldissime.

    NOTE:

    • sono buonissime!!!! ...ovviamente per coloro ai quali piace il pesce (..io lo adoro!) Piacciono, però, anche a mia figlia che preferisce di gran lunga la carne ...
    • non si può dire che questo sia un piatto di " cucina rapida", ma quando si sa di avere un pò di tempo.....ne vale la pena!
    • purtroppo non ho foto..è un pò che non preparo questo piatto (..forse proprio per i suoi tempi non brevissimi) e questa "mania" di fotografare il cibo ( come mi dicono in famiglia prendendomi in giro) è di recente data..

    Buona serata a tutti!!

    Loading...
    Loading...
    Loading...
    Loading...

    Antipasti

    Minestre

    Primi piatti asciutti

    Piatti unici

    Insalate

    Pesce

    Pietanze di magro

    Pietanze di grasso

    Torte salate e farinata

    Dolci

    Pane e focaccia

    Cucina rapida

    Cucina a microonde

    Ricette di base

    Conserve

    Tecniche

    Tutti i filmati


    Loading...
    Loading...
    Loading...


    Ci siamo anche noi

    Ci riservano un trattamento di favore...

    Bernardi Impastatrici

    Primi degli italiani

    E quest'anno?

    Anche quest'anno abbiamo fatto benino; siamo cioè arrivati 133-esimi su 773 partecipanti. Grazie a tutti coloro che ci hanno votato.

    E poi?

    Dedica un minuto. E' importante

    una ricetta per il santa lucia
    Clicca sul logo e manda anche tu la tua ricetta per sostenere questa struttura

    Cerca sul ricettario

    Ricerca personalizzata
     

    Cosa guarda il topo?